Condizioni generali di contratto

Le seguenti Condizioni Generali di Contratto (indicate qui di seguito anche come "CGC") regolamentano il rapporto giuridico fra il titolare del Vienna PASS e la VPG Vienna Pass GmbH, FN 417570 z. Con l'acquisto del Vienna PASS, il titolare della carta accetta le presenti CGC. 

Il titolare della carta prende conoscenza del fatto che per la visita delle attrazioni risulta esclusivamente partner contrattuale del gestore delle rispettive attrazioni, e per quanto riguarda le dette attrazioni valgono le CGC delle rispettive attrazioni. 

Per chiarificazione si afferma che le presenti CGC regolamentano esclusivamente il rapporto contrattuale tra la VPG Vienna Pass GmbH e il titolare della carta in relazione al Vienna PASS.

Le attrazioni incluse nell'offerta Vienna PASS e l'azienda che gestisce i bus Hop on Hop off verranno qui di seguito indicati anche come "Partner Contrattuali" della VPG Vienna Pass.

1. Stipulazione del contratto

Con l'accettazione delle CGC il cliente conferma che non è possibile recedere dal contratto con la VPG Vienna Pass GmbH, a meno che non si applichino norme vincolanti della normativa sulla protezione per la recessione dai contratti.

2. Vienna PASS

Il Vienna PASS è una carta con codice a barre che in cambio di un pagamento unico permette al titolare l'ingresso libero e unico nel lasso temporale scelto di uno, due, tre o sei giorni di calendario consecutivi a tutte le attrazioni presente nella guida Vienna PASS, oltre all'utilizzo illimitato dei bus Vienna Sightseeing Hop on Hop off. 

3. Titolare della carta

Il titolare della carta è la persona a cui è stato rilasciato il Vienna PASS. Il Vienna PASS dev'essere firmato dal titolare sul retro. La carta è personale e senza consenso per iscritto della VPG Vienna Pass GmbH non può essere trasferita.

4. Guida Vienna PASS

La guida Vienna PASS è prodotta dalla VPG Vienna Pass GmbH ed allegata al Vienna PASS. Nella guida Vienna PASS si trovano tutte le attrazioni e i servizi inclusi nel Vienna PASS, comprensivi di dati per il contatto e orari di apertura. Queste informazioni vengono controllate con cura, tuttavia non si può garantire la loro correttezza e completezza, in quanto sono sempre possibili variazioni senza preavviso, in particolare degli orari d'apertura. I titolari del Vienna PASS vengono dunque invitati a controllare le informazioni recenti presso i siti dei partner contrattuali.

5. Diritti e doveri del titolare della carta

Il titolare della carta è tenuto a firmare e datare personalmente il Vienna PASS, che altrimenti non è valido.
Durante il periodo di validità del Vienna PASS il titolare della carta può avvalersi dei servizi indicati nella guida Vienna PASS. Il titolare della carta deve essere in grado di esibire un documento di riconoscimento ufficiale con foto su richiesta dei Partner Contrattuali.
Per i servizi non utilizzati o consumati, o per i giorni di chiusura delle attrazioni durante il periodo di validità, non vi è alcun diritto al rimborso.
Il titolare della carta è tenuto a conservare con cura il Vienna PASS.

6. Garanzia

La VPG Vienna Pass GmbH non è responsabile di alcun difetto, danno, perdita o mancata erogazione di servizi da parte dei partner contrattuali. Tutti i reclami e le rivendicazioni del titolare della carta sorti nel quadro dell'utilizzo dei servizi dei partner contrattuali possono dunque essere rivolti solamente ai rispettivi partner contrattuali della VPG Vienna Pass GmbH. In questo ambito valgono le Condizioni Generali di Contratto del partner contrattuale della VPG Vienna Pass GmbH. Qualora le rivendicazioni non fossero derogabili e/o si ponesse una responsabilità della VPG Vienna Pass GmbH nei confronti del titolare della carta, la responsabilità della VPG Vienna Pass GmbH non supererà il 50 % del prezzo pagato per il Vienna PASS.

7. Periodo di validità

Il Vienna PASS è valido, a seconda dell'accordo, per uno, due, tre o sei giorni di calendario consecutivi. Questo periodo di validità concordato viene stampato espressamente sul Vienna PASS. Il Vienna PASS va utilizzato entro un anno dall'acquisto o conformemente alla validità stampata, altrimenti perde la sua validità. Se il contratto tra la VPG Vienna Pass GmbH e un partner contrattuale scade, scade automaticamente anche la validità del Vienna PASS per quanto riguarda l'attrazione del partner contrattuale in questione.

8. Smarrimento

In caso di smarrimento di un Vienna PASS non ancora utilizzato è necessario avvertire immediatamente la VPG Vienna Pass GmbH. Come prova si consiglia espressamente di effettuare la comunicazione per iscritto. Dopo la conferma dell'identità, il Pass smarrito verrà bloccato per impedire utilizzi indebiti. Contro pagamento di una tariffa di elaborazione di 10,50 € verrà rilasciata al titolare una carta sostitutiva. Ciò è possibile solo se il codice a barre monouso sul retro del Vienna PASS è noto e chiaramente attribuibile al titulare. In caso contrario, non sarà  possibile sostituire il Vienna PASS.
I titolari della carta devono conservare il Vienna PASS in modo da evitare che terzi possano avervi accesso. Se la carta viene dimenticata non verranno concessi accesso o sostituzione.

9. Tutela dei dati personali

La VPG Vienna Pass GmbH elabora i dati personali in suo possesso (in particolare nome, cognome, indirizzo e modalità, data, tempistica e portata dell'utilizzo dei servizi (Dati) del titolare della carta, oltre ai dati trasmessi nel corso dell'utilizzo del Vienna PASS. Il titolare della carta con l'acquisto del Vienna PASS acconsente a che questi dati siano utilizzati dalla VPG Vienna Pass GmbH e dai suoi partner contrattuali anche per valutazioni turistiche e per ottimizzare il Vienna PASS. Il titolare della carta ha il diritto di ritirare il proprio consenso presso la VPG Vienna Pass GmbH senza doverne indicare il motivo. I dati non saranno trasmessi a terzi.

10. Giurisdizione e luogo dell'adempimento

Luogo dell'adempimento e giurisdizione sono a Vienna. Si applica esclusivamente la normativa austriaca con l'eccezione delle norme di riferimento del diritto internazionale privato austriaco, delle norme di riferimento della convenzione sulla legge applicabile agli obblighi contrattuali e la convenzione delle Nazioni Unite sulla vendita internazionale dei beni. 

11. Varie

Per essere validi gli accordi complementari devono essere conclusi per iscritto.

12. Disposizioni speciali per le ordinazioni online

I punti da 1.) a 11.) valgono anche per le ordinazioni online. Per queste quanto segue si considera in aggiunta come concordato contrattualmente:

12.1.) Il sito viennapass.com è utilizzato per la vendita del Vienna PASS.

12.2.) L'ordinazione online è possibile solo se avete a disposizione una carta di credito valida. 

12.3.) I dati personali necessari per ordinazioni o richieste, come per esempio nome, telefono, fax o e-mail vengono utilizzati esclusivamente per gli scopi menzionati e non vengono trasmessi a terzi.

12.4.) Per le modifiche richieste in un secondo tempo e che richiedono l’intervento del servizio clienti a ordini effettuati online al sito www.viennapass.com, viene conteggiata una tassa amministrativa di 10,50 EUR per ogni ordine.

12.5.) Normative della legge per la protezione dei consumatori KSchG: le normative del Art 5a ff KschG s applicano alla stipula di contratti a distanza, dunque per contratti che vengono stipulati esclusivamente tramite l’utilizzo di mezzi di telecomunicazione, senza che sia necessaria la presenza fisica dei partner contrattuali (Art 5a KSchG). Le normative di § 5c para 1 e para 2 KSchG, tuttavia, non si applicano ai contratti sulla prestazione di servizi nell’ambito del tempo libero, quando l’imprenditore si impegna al momento del contratto a fornire i servizi in un momento preciso o entro un periodo indicato con precisione (servizi relativi al tempo libero). A causa del fatto che la VPG Vienna Pass GmbH generalmente è attiva nei confronti dei consumatori come prestatrice di servizi nell’ambito del tempo libero ai sensi del Art  5c para 4 Z 2 KSchG, quanto previsto nel Art 5c para 1 e para 2 KSchG per i consumatori nel quadro di impegni normalizzati non si applica. Per il caso in cui si fornisse al consumatore un servizio che non ricade nell’ambito del tempo libero ai sensi del Art 5c para 4 Z 2 KSchG, per i rapporti commerciali di competenza della normativa sulla protezione dei consumatori (KSchG) sono valide le relative disposizioni vincolanti della KSchG, in particolare le disposizione del Art 5a ff KSchG. I consumatori vengono informati espressamente ai sensi del KSchG sulla possibilità di avvalersi del diritto di recesso accordato agli utenti ai sensi del Art  5e KSchG, che prevede che il consumatore possa recedere da un contratto stipulato a distanza o da una dichiarazione contrattuale stipulata a distanza entro sette giorni lavorativi dopo la ricezione della merce ordinata o dopo la stipula di un contratto per la prestazione di servizi, senza doverne indicare i motivi. Il diritto di recesso tuttavia decade in caso di contratti per la prestazione di servizi quando l’azienda ha iniziato ad erogare i servizi, come previsto da contratto, entro sette giorni dal momento della stipula del contratto (Art 5f KSchG). In caso di un recesso dichiarato dal consumatore e conforme alle disposizioni del KSchG si considera concordato che il consumatore debba sostenere i costi per un equo compenso per l’utilizzo o una riduzione di valore per l’utilizzo del ViennaPASS, oltre ai costi di rispedizione.